1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer>
La storia

Geesink Due - La storia

Nel gennaio 2017 il Geesink Due ha compiuto i suoi primi 40 anni di vita e anche se non è semplice sintetizzare tanti anni di storia in poche righe, proveremo cominciando proprio dal gennaio del 1977. Il nostro primo allenamento, in via Ghiarole, non vide la presenza di molte persone, ma alcune di quelle persone ancora oggi praticano il judo con noi. Era l’ 8 gennaio, gli allievi di quella prima sera avevano una provenienza sportiva eterogenea, alcuni avevano praticato il judo a Modena, altri a Vignola, altri ancora non lo avevano mai praticato, ma tutti avevano molta energia e passione. In poco tempo gli allievi si moltiplicarono e nel gennaio dell’anno successivo la nostra associazione si affiliò alla federazione iniziando un cammino sportivo che non si è più interrotto. Dal 1977 al 1981 i corsi pian piano aumentarono arrivando a cinque, mentre negli orari liberi dal judo si alternavano sul tatami corsi di yoga e ginnastica; arrivarono anche i primi risultati sportivi, soprattutto in campo regionale. Nel 1983 la decisione di abbandonare via Ghiarole per una sede più ampia e confortevole, quella di via Mazzini. Nel giro di due anni la palestra assunse l’aspetto che ha mantenuto fino al 2000: la sala pesi, la sala judo, la sala piccola, la sauna, ecc. Fu l’inizio di un periodo straordinario, centinaia e centinaia di persone grandi e piccole entrarono in palestra per praticare il judo, il karate, la ginnastica ritmica, l’aerobica, lo yoga, i pesi. In campo sportivo arrivarono risultati importanti e nel 1985 la nostra società salì al 36° nella graduatoria nazionale dopo un anno strepitoso dove sfiorammo la conquista di due titoli italiani. L’impegno si allargò anche al di fuori della palestra con la pallavolo e la pallacanestro e con la prima si ottennero ottimi risultati in campo giovanile come le finali provinciali della under 14 femminile. Le grandi soddisfazioni sportive dell’ultimo periodo: due titoli italiani, la prima posizione nella classifica per società del campionato italiano cadette 2000, la 24° posizione nella graduatoria nazionale del 1999 e la 41° nel 2000, non bastarono a fermare una tendenza ormai irreversibile, si doveva cercare un’altra sistemazione. Nel 2000, dopo inutili tentativi per cercare di rinnovare la sede o di trovare ospitalità presso la Polisportiva Spilambertese, la scelta, obbligata, di trasferire i settori judo e karate presso le palestre comunali di via S. Maria. La fine di un periodo lungo e importante, l’inizio di una nuova fase. Sino a quel momento avevamo avuto oltre 3.500 associati, avevamo portato a Spilamberto discipline come l’aikido, il qi gong, il kung fu, il full contact, lo shiatsu e altro ancora, ma il filo conduttore era ed è sempre stato il judo che abbiamo anche portato nella scuola elementare a partire dal 1993. Siamo ripartiti con i settori judo e karate, con la certezza che, con l’impegno di tutti, un pizzico di fortuna e l’aiuto dell’Amministrazione Comunale, i risultati avrebbero potuto continuare ad essere positivi sia dal punto di vista sportivo che umano ed educativo. Così è stato fino ad ora, e anche se il settore karate da qualche tempo è autonomo, nel judo sono arrivate molte soddisfazioni culminate con un nuovo titolo italiano nel 2010. Nel nostro albo d’oro ad oggi possiamo contare: quattro titoli italiani, dodici medaglie d’argento o di bronzo e 20 quinti posti nelle finali nazionali, abbiamo avuto 56 atleti che hanno totalizzato 166 partecipazioni a finali di Campionati Italiani di tutte le categorie; inoltre 39 atleti hanno conquistato la cintura nera (di cui quattro terzi dan e sette secondi dan). Dal 2000 ad oggi abbiamo ospitato la Nazionale Russa, il Centro Olimpico Nordafricano, la Nazionale Italiana e la Nazionale messicana; abbiamo organizzato 50 stage tecnici con Maestri giapponesi, polacchi e italiani; abbiamo ospitato 81 allenamenti regionali e i corsi del Centro Tecnico Regionale; abbiamo organizzato o partecipato a dieci eventi sportivi sul territorio e collaboriamo con l’Amministrazione Comunale a due importanti progetti: “Integrazione scolastica” e “Diventa una cintura rosa”. Si poteva fare di più? Sicuramente. Si poteva fare meglio? Certamente. Questo è il nostro impegno per il futuro, mettendo sempre al centro del nostro impegno l’Uomo e non l’atleta.

Chi era  Antonius Johannes Geesink

Anton Geesink si è spento il 27 agosto 2010 a Utrecht la città dove era nato il 6 aprile del 1934. Non abbiamo mai parlato di lui anche se il nostro nome lascia intuire che a Lui ci eravamo ispirati quando nel 1977 abbiamo dato vita alla nostra Associazione Sportiva. E la stretta provenienza dal Geesink di Modena ha in un qualche modo condizionato la scelta del nome e quella della strada da percorrere. E' stato il primo europeo a battere i giapponesi nella disciplina che avevano inventato e lo ha fatto una prima volta ai Campionati del Mondo del 1961 ma ancor più in maniera clamorosa alle Olimpiadi di Tokio del 1964. Nella sua carriera ha vinto 21 titoli europei, 2 mondiali e una olimpiade. Alto due metri per 120 kg. (da atleta) ha dimostrato una classe immensa e ha avvicinato al judo tante persone in Europa e nel mondo, proseguendo la carriera di atleta come insegnante, raggiungendo il grado di 10° dan. Apprezzato e conosciuto anche come membro del CIO, sicuramente sarà ricordato per sempre nella storia della nostra disciplina.

Sponsor

Bergonzini Azienda Agricola Vivai Piante

 

Calendario Gare

previous month Novembre 2019 next month
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
week 43 1 2
week 45 3 4 5 6 7 8 9
week 46 10 11 12 13 14 15 16
week 47 17 18 19 20 21 22 23
week 48 24 25 26 27 28 29 30

Ultime News